Reset Password

Your search results

Passeggiata autoguidata nel centro storico di Chania

Published on Marzo 27, 2017 by myhousetorent

* Vedi anche le nostre guide:

self driving tours around Chania

Chania- Places to avoid – Overcrowded

 

 

 

 

Chania ha sempre avuto un carattere particolare tra i porti e le città del Mediterraneo.

Invasioni e occupazioni consecutive  nel corso dei secoli hanno conferito alla città un carattere  multilingue, multirazziale e multireligioso.

Fin dall’antichità, Creta è stata un capolavoro per tutte le potenze: impero romano, espansione araba, impero bizantino, stazione dei crociati, occupazione genovese e infine veneziana, poi impero ottomano per 260 anni, un intervallo di 10 anni con il dominio egizio e infine all’inizio del XX secolo per tornare alla sua origine etnica  della Grecia.
Kastelli,  è il colle che sovrasta il porto, e  dal periodo minoico fino ai primi anni della dominazione veneziana, circondato dai resti delle mura cittadine bizantine e fu  sempre un centro amministrativo.

Sul lato ovest della città vecchia  si trova il distretto di Topanas, che era il quartiere cristiano durante il periodo ottomano. Il suo nome deriva dal magazzino di munizioni veneziano (tophane turco), che vi si trovava.

Il quartiere ebraico (Evraiki o Ovraiki) si trovava a nord-ovest della Città Vecchia, dietro il porto e all’interno dei confini di Topanas. La sinagoga di Chania è un museo, ma gli ebrei di Chania (fondati dopo la loro espulsione dalla Spagna nel 1600), “scomparvero” durante la seconda guerra mondiale durante l’occupazione tedesca di Creta.

Sul lato est della città vecchia, c’era il quartiere musulmano (i cretesi di religione musulmana furono obbligati a trasferirsi in Turchia dopo l’accordo del governo nel 1925 – suite alla guerra greco-tuca del 1922).

 

1° tour di autoguida, centro storico e  porto vecchio

Inizia dall’edificio del mercato principale, punto di riferimento della città, e fai un passaggio all’interno dall’altra parte della strada sul lato opposto. Il mercato principale di Chania è un grande edificio a forma di croce e ogni sezione è dedicata a prodotti particolari. Uno per il pesce, l’altro per la carne, nell’ingresso per pane e latticini.

Sfortunatamente, il luogo scelto per costruire  nel 1913 era su una sezione delle mura veneziane della città, quindi il restauro di questa parte sarà impossibile in futuro. Una volta attraversato il mercato, esci sul lato nord e scendi le scale, in via Tsouderon.
Vai a sinistra verso ovest e dopo pochi metri ti trovi in una stradina pittoresca chiamata Leather street con negozi su entrambi i lati, per lo più pieni principalmente di articoli in pelle. Questa strada termina alla strada principale CHALIDON che conduce sulla tua destra alla piazza OLD HARBOR.

Camminando  verso il lungomare, si passa prima dalla chiesa ORTODOSSA  cattedrale della città  dedicata a Santa Vergine Maria. Proprio di fronte, c’è anche l’ingresso della chiesa CATTOLICA della città.


 

Pochi metri più in basso, verso il porto, hai sulla sinistra un  grande edificio :

L’edificio  del 1600 aC,  periodo veneziano  il Monastero Francescano  e la Chiesa Madre, per essere poi trasformato in  in moschea, la “Giousouf Pasha Tzamisi”.
Nel bel cortile laterale furono poi aggiunti un minareto e una fontana ottagonale. Dopo l’indipendenza dell’isola, fu nuovamente trasformato nel 1° cinema della città, e infine in museo archeologico (da trasferire in un nuovo museo fuori città di recente costruzione).
Il museo espone mostre del periodo preistorico, mostre dal periodo geometrico fino all’Impero Romano. Importante collezione comprende anche una vasta collezione di monete provenienti da tutte le città minoiche. Più in basso si raggiunge piazza Venizelou, con una fontana in marmo, e infine si arriva al lungomare.

La Moschea di Hassan Pasha, (il primo governatore ottomano), fu costruita dai turchi ottomani dopo aver occupato Chania nel 1645. La moschea è un punto di riferimento della città per la sua cupola a bulbo. In passato il cortile era pieno di palme e tombe di pascià, e aveva anche un piccolo minareto, che fu demolito nel 1923.


9th-century lighthouse

I 21 m. Il faro egiziano, orgoglioso del vecchio porto di Chania, è uno dei più antichi al mondo, la sua storia si perde nella notte dei tempi. sebbene… Egiziano nel nome, in realtà è una creazione dei veneziani.
Con il tempo subì gravi danni e dovette trascorrere più di 200 anni, fino al decennio 1830-40, per essere ricostruita dagli egizi durante la loro breve occupazione dell’isola. È diventato uno degli stili architettonici più caratteristici  perché la base ha una forma ottagonale, la sezione centrale ha 16 angoli, mentre la parte superiore è circolare e ricorda un minareto!
Svoltare verso il porto interno, il primo imponente edificio è il Grande Arsenale veneziano.

L’edificio era originariamente l’unità terminale della terrazza di 17 edifici a volta per ospitare tutte le navi (compresi i loro alberi e vele) per riparazioni e ristrutturazioni dopo così lunghi viaggi. Fu costruito per ultimo, con pareti più spesse.
Durante l’occupazione turca la volta fu sostituita con un secondo piano. Successivamente divenne una scuola cristiana, poi un ospedale. Fu anche municipio di Chania fino al 1941, quando fu in parte distrutto dai bombardamenti dell’aviazione tedesca.

Dietro il  Grande Arsenale, si trova la collina  di  Kasteli (castello) e  questo è stato abitato fin dal Neolitico. È sempre stato un luogo ideale per un insediamento grazie alla sua posizione sicura e quindi è stato circondato da fortificazioni.

Per salire al castello: sul lato destro dell’Arsenale, proprio sulla strada laterale dietro, il sentiero sale per raggiungere il castello sopra.
Percorri questi 47 gradini e ti ritrovi al centro della collina dominante sulla città. Una volta saliti, gira prima a destra e alla fine della strada supera il cancello semichiuso e sei nel punto più emozionante della città vecchia . .


Da lì hai una vista incredibile su tutta la città vecchia: l’intero porto sottostante e la vista estesa a nord e a ovest.

L’edificio principale sottostante  era  il quartier generale dei pascià ottomani di Creta (cretesi lo chiamavano serai o konaki). Ecco la più bella terrazza naturale con vista sul porto.

Ritornando sulla strada che porta nel cuore della città antica (via San Marco) verso le montagne. C’era anche la maestosa Cattedrale dei Veneziani, dedicata alla Vergine Maria, .e pochi metri più in basso si trovano le rovine del monastero dei monaci domenicani “Santa Maria dei miracoli”  che fu distrutto durante i bombardamenti tedeschi del 1941.

We continue più in basso raggiungiamo  via KANEVARO (ammiraglio italiano durante la  mediazione delle “grandi potenze) nella rivoluzione cretese del 1897. Questa strada  era la più importante  in epoca bizantina e veneziana. Le rovine lasciate dai bombardamenti della 2a guerra mondiale, consentirono scavi che  rivelarono parte della  città  KYDONIA insediamento proto-minoico.

.

Kydonia era una delle tre città fondate dal re Minosse a Creta.
Grandi abitazioni con stanze ben costruite, pavimenti eleganti con cavità circolari- camini, pareti rivestite con malta rosso intenso, stipiti e ceramiche di ottima qualità sono alcuni dei reperti che indicano l’esistenza di un significativo centro protominoico.
Gli estesi scavi nel sito archeologico di Kasteli, che costituisce uno dei monumenti più importanti del periodo preistorico di Creta.
Continuiamo  su via KANEVARO nella direzione opposta  scendendo la collina verso est, quindi camminiamo  ancora una volta fino al porto e agli Arsenali Veneziani (Neoria di Chania).

Durante l’occupazione veneziana (1204 – 1669), la necessità di una più stretta presenza dei veneziani a Creta fece costruire un gran numero di “Neoria” (arsenale) a Chania, dove le navi sarebbero state riparate durante l’inverno. Nel 1593 erano già state costruite sedici “Neoria”. Nel 1599 il complesso sud “Neoria” fu completato con la costruzione del XVII “Neorio”.

La nostra passeggiata termina all’ultimo  Arsenale  chiamato MORO (governatore veneziano) per un caffè. Nel 1607, durante l’ampliamento del bastione nord-est, inizia la costruzione di altre 5 “Neoria” nel cuore del porto a levante.
Due di loro sono state completate, tuttavia, sono state costruite solo le pareti dell’arco del terzo, quindi è stato recentemente terminato ed è stato aggiunto un tetto in legno.
La prima a destra fa parte del Museo Nautico di Chania e ospita una ricostruzione sperimentale di una nave mercantile minoica.

Nel mezzo c’è ancora il cantiere navale per le barche dei pescatori. L’ultimo a sinistra serve in realtà come il miglior lounge cafe della città ed è la base del club velico di Chania.

 

 

2° tour di autoguida nel centro storico di Chania

Lasciando il  Neorio (arsenale) MORO, passa dietro la strada vicino al grande parcheggio per uscire dal cancello KOUM KAPI tra la città vecchia e quella nuova. Sul muro di fortificazione veneziano è presente un’apertura chiamata forte di Sabbionara.

On left, you exit the Old city to modern one,  called Koum kapi  (The gate of the sand -in Turkish)
.

Ecco i resti del marchio veneziano con il leone scolpito sul muro. E la parte esterna delle mura veneziane dove è ospitato anche un teatro all’aperto.

    

Tornate nel centro storico e girate a sinistra in MINOOS STREET.

Ogni SABATO, in questa via si svolge  un popolare mercato all’aperto con  verdure, formaggi, miele e frutta  direttamente dai produttori che arrivano dai  paesi vicini.

 

 

 

 

 

 

 

Da via Minoos, cammina all’interno di questa stradina. Attraversi una piazzetta e prosegui per la traversa di GERASSIMOU   e vai SINISTRA  SU che ti condurrà in piazza SPLANTZIA.

Qui c’era il centro religioso  durante l’occupazione turca. La chiesa di Agios Nikolaos, situata in piazza Splantzia, fu costruita prima del 1320, durante il periodo veneziano, come monastero dell’ordine domenicano. Dopo il dominio dei turchi a Chania nel 1645, la chiesa fu trasformata in moschea e le fu dato il nome Hiougkar Tzamisi (la moschea dell’imperatore), in onore del sultano dell’impero ottomano, Imbraim.

 

La spada del derviscio turco, che fu il primo ad entrare in città, era considerata benedetta e operatrice di prodigi, e vi era riservata. La sua importanza è evidenziata dall’esistenza di due balconi, invece di uno, sul minareto nell’angolo sud-ovest del tempio. Di grande interesse sono gli elementi morfologici del minareto, in quanto ricalcano la tradizione veneziana. Nella stessa piazza, sotto il gigantesco platano c’è una pietra commemorativa perché qui vi era un luogo dove furono impiccati cristiani durante l’occupazione turca. C’è anche dietro un luogo recintato e scendendo diverse scale un acquedotto sotterraneo che portava l’acqua dalle sorgenti di un villaggio a 5 km dalla città, quindi la popolazione aveva sempre acqua dolce.

A lato della piazza si trova la chiesa di San Rocco. Nel 1630, probabilmente dopo lo scoppio della peste, mentre San Rocco era il protettore di Chania da questa malattia contagiosa. Durante il dominio ottomano fu utilizzato come corpo di guardia militare, mentre durante lo stato cretese e fino al 1925 come stazione di polizia. Continua sulla strada principale verso la città alta, sulla tua destra  verso sud (le montagne). Al primo angolo a destra  entra  la stradina che la strega conduce  a una piazzetta .

di là si passa sotto l’arco con sopra una casa,

 

passa sotto e vai a destra,  fino alla fine di questa strada. Quindi girare di nuovo a destra.

 

 

 

 

 

 

Alla fine, affronti le fortificazioni bizantine del  castello di Chania.

Il muro che circondava la collina di Kasteli, dove fu il primo abitato della città. Fu edificato nel XII secolo e la sua sagoma è irregolare con asse longitudinale da Est a Ovest, dove si trovavano le sue due porte centrali. La Muraglia è costituita da parti rettilinee, torri poligonali interrotte, ed è fondata sui resti di una più antica fortificazione di epoca ellenistica

 

 

Camminando lungo il muro in direzione SINISTRA, raggiungi nuovamente la piazza principale del porto alla tua destra.


Continui sulla stessa strada stretta chiamata ZAMPELIOU, nel cuore di Topchanas e dei quartieri del passato ebraico. Questi sono due dei più storici nella parte nord-occidentale del centro storico di Chania. Dopo la conquista ottomana fu polo di insediamento di cristiani ed ebrei (espulsi dalla Spagna nel 1490 da Ferdinando e Isabella e invitato dal sultano Vayagit a stabilirsi a Istanbul, Salonicco e Chania. Oggi le pittoresche strade, i palazzi veneziani come Renieri , Delfino ecc., ei monumenti danno la sensazione di un monumento vivente e di una calamita per i turisti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Procedi lungo questa strada Zambeliou. È quindi possibile svoltare a sinistra per un po’ in via Kondylaki. Seguire le indicazioni e svoltare a destra in una stradina che conduce alla sinagoga Etz Hayyim; costruito nel XVII secolo (sul sito di sinagoghe ancora precedenti) distrutto durante la seconda guerra mondiale e recentemente restaurato.

Controlla www.etz-hayyim-hania.org per conoscere la storia e le attività della sinagoga. Tornate a Zambeliou, salite un po’ fino ad arrivare a Theotokopoulou (in onore del pittore di origine cretese El Greco” sulla vostra destra.

 

 

 

gira qui a destra e ammira l’architettura e i negozi di questa strada in stile veneziano, che è stata anche il centro della comunità greca durante il periodo ottomano, mentre scendi verso il mare.
In fondo alla strada, sulla destra, la Chiesa di San Salvatore, recentemente restaurata, è stata trasformata in un piccolo museo di arte bizantina e post-bizantina. C’era l’omonimo monastero dei francescani . Durante il dominio ottomano il monastero fu convertito in moschea nel luogo dell’Aga Khan.

 

Dopo il museo bizantino, sarai appena fuori dal porto; svoltare a destra e passare sotto le mura del Firkas, il nome dato al forte che fu un punto focale nella lotta per l’indipendenza di Creta all’inizio del XX secolo. Raggiungi il porto principale dove alla tua destra l’edificio rosso è “Il Museo Navale” dove sono presenti interessanti mostre e manufatti.

sea excursions

http://www.captainnickchania.com/home